Prestiti a protestati

In caso di protesto, di pignoramento, di istruttoria in corso, ma anche solo di ritardo nei pagamenti e successiva iscrizione nel registro dei cattivi pagatori, diventa molto difficile, se non impossibile ottenere nuovamente credito, fino a quando non si sia sanata la propria posizione.

Alle volte però si può verificare la necessità di ottenere un nuovo ed ulteriore finanziamento. Vediamo come si può affrontare questa situazione.
Uno dei metodi più largamente diffusi ed accettati di buon grado, soprattutto da finanziarie private è la cessione del quinto.
Cioè la trattenuta di un quinto dello stipendio, direttamente alla fonte, che offre meno rischi, dunque maggiori garanzie a chi concede il prestito, sia per il buon fine del pagamento, sia per la puntualità del pagamento stesso, che avvenendo in automatico, in genere non da problemi.
La cessione del quinto
Si suddividono i richiedenti in gruppi diversi, per catalogare il rischio, ma anche l'entità del finanziamento concedibile.
Prestiti a dipendenti statali
prestiti a dipendenti di enti pubblici
prestiti a dipendenti di privati
prestiti a pensionati.

Queste le categorie, in genere, più largamente accettate.
Un' altra forma per ottenere un finanziamento può essere il prestito con delega, cioè in questo caso il debitore firma e si impegna per restituire mensilmente una cifra più alta del quinto dello stipendio. Fino ai due quinti, che sono corrispondenti al 40% dello stipendio stesso.

Soluzione che certamente non è alla portata di tutti, ma che rende l'estinzione del debito più veloce e meno rischiosa.
Per sua stessa natura però la cessione del quinto dello stipendio non viene praticata a commercianti, artigiani, ambulanti, imprenditori e liberi professionisti. Queste categorie di persone si potranno rivolgere ad associazioni di categoria, per verificare la possibilità di ottenere finanziamenti più o meno agevolati, anche in presenza di problemi pregressi e non estinti.

Consolidamento debiti
Questa possibilità esiste negli Stati Uniti ed è di recente nata anche in Italia.
Vi sono associazioni e finanziarie, non profit, dunque, ed a scopo di lucro, che in pratica radunano diversi debiti e finanziamenti in un unico debito con un'unica rata, si accollano le varie dispute ed il calcolo degli interessi ed emettono un nuovo finanziamento al cliente che è responsabile in solido nei loro confronti, mentre poi si occupano di dialogare e trovare un compromesso accettabile con gli altri creditori.
Spiegato molto in breve, questo è il finanziamento. Anche qui però occorre fare molta attenzione, si è già verificato in passato che invece di consolidare il debito lo peggiorassero, all'insaputa del cliente fiducioso, che si è ritrovato ad avere ancora più guai di prima.
Cautela dunque, verificare a chi si rivolge.

IN BREVE

Anche a fronte di una situazione estrema di disagio finanziario ci possono essere vie di accesso ad un nuovo credito.
La soluzione più diffusa è la cessione del quinto dello stipendio.
Si può decidere di ripagare il debito cedendo una porzione anche maggiore del quinto.
In alternativa ci si può rivolgere a specialisti nel consolidamento del debito, pagando un solo debitore con un'unica rata.

Post a comment

Gelati 300p250