Prestito Chirografario, Mutuo Chirografario

Il finanziamento chirografario, secondo il diritto italiano, è una forma di finanziamento, sia esso mutuo immobiliare o prestito personale, che non è sostenuto da alcuna garanzia o fideiussione.

In caso di mutuo immobiliare infatti, non viene iscritta un'ipoteca sull'immobile interessato, ma bensì un impegno scritto da parte del debitore.
In genere un finanziamento chirografario si riesce ad ottenere per somme non ingenti e periodi non troppo lunghi. Una statistica mostra che l'importo medio concesso più di frequente, con questo tipo di formula, si aggira sui 30 000 e ha una durata di 6 anni.
Una situazione tipica in cui di solito si richiede giocoforza il mutuo chirografario è quella di lavori condominiali straordinari. Non è possibile da parte di un condominio ottenere un mutuo con iscrizione ipotecaria, ed infatti non avrebbe senso, ecco allora che questa è la tipica situazione in cui si chiede ed ottiene il mutuo chirografario.
Un'altra occasione in cui di solito si fa richiesta di questa specifica forma di finanziamento è l'acquisto o la ristrutturazione di immobili o parte di immobili da parte di aziende ed attività commerciali. Oppure ancora l'acquisto di macchinari e attrezzature.

Il rimborso ed il pagamento delle rate può avvenire mensilmente, trimestralmente o anche semestralmente, ed il tasso può essere naturalmente sia fisso che variabile. Prevede un rimborso con rate costanti, cioè un piano prestabilito con rate e quote di capitale costanti per tutto il periodo di vita del finanziamento.
Un prestito chirografario è destinato di solito a persone giuridiche, artigiani e commercianti, che perÚ dimostrano una consolidata correttezza nei confronti dei precedenti pagamenti. Molto più raramente vengono concessi a singoli individui, anche se in alcuni casi si possono ad esempio trovare in banca formule di prestito agli studenti, che sono in effetti prestiti chirografari.

Per fare un esempio specifico, il Banco di Credito Cooperativo di Roma, concede questo tipo di finanziamento per soggiorni di studenti in Italia o all'estero. Può essere richiesto da un capofamiglia, per un familiare a carico dietro presentazione dello stato di famiglia.
Inoltre, i prestiti chirografari non sono mai per liquidità ma previa dimostrazione di una precisa finalità, come indicato acquisto di macchinari, attrezzature o immobili.
Dalla parte del creditore il finanziamento chirografario è la forma più rischiosa del concedere denaro a prestito. In caso infatti di bancarotta o comunque insolvenza, i creditori di questo tipo sono quelli in fondo alla lista, non possono avere alcun diritto di prelazione ed hanno ben poche possibilità di vedere rientrare i capitali.

Si tratta infatti di una forma di credito privilegiato, ed è regolato dall'articolo 2751, per cui i creditori chirografari ottengono soddisfazione solo dopo tutti gli altri con priorità e solo se ci sono beni rimanenti. Se i beni residui esistono ma non sono sufficienti i creditori chirografari hanno diritto ad un rimborso in percentuale.

IN BREVE
La forma di finanziamento chirografario è una forma di prestito senza garanzie, a sola firma del beneficiario, il termine infatti viene dal greco firma.
Può venire concesso sotto forma di prestito o di mutuo e di solito si concede ad associazioni, condomini, artigiani e commercianti. Ci sono altresì forme di prestito personale chirografario destinate al finanziamento degli studenti.

Post a comment

Gelati 300p250