Cattivi pagatori e la riabilitazione

La Centrale dei rischi fornisce informazioni sia positive che negative sulle modalità di pagamento dei vari soggetti e dunque sulla loro affidabilità ed indice di rischio.

Alla Centrale dei rischi le informazioni sul credito vengono suddivise in tre classificazioni a seconda dell'entità degli importi:
Il primo livello è per finanziamenti di importo inferiore a 30.000 euro.
Il secondo livello è per finanziamenti tra i 30 000 ed i 75 000 euro
Infine il terzo livello per tutti i finanziamenti che superino i 75 000 euro.
Queste centrali conservano le informazioni sui cattivi pagatori. Viene considerato un cattivo pagatore anche colui che salda il suo debito con pochi giorni di ritardo.

Fino all'anno 2005 il rapporto sul cattivo pagatore rimaneva iscritto per una durata di cinque anni, rendendo alquanto difficile nell'arco di quel lasso di tempo, qualunque nuovo rapporto economico, per il cattivo pagatore.
Con l'entrata in vigore della nuova normativa, il tempo di conservazione di questo tipo di informazione è al massimo di 36 mesi.
Al momento della richiesta di un finanziamento, di qualsiasi tipo ed entità, l'istituto erogatore, banca o finanziaria, prende in esame quanti altri finanziamenti il soggetto ha in corso, l'entità dei finanziamenti stessi in termini di denaro, e la puntualità con sui il soggetto ha pagato durante la storia dei finanziamenti.

Nonché la capacità di assumere ulteriori impegni, basata sul reddito.
Se il rapporto di finanziamento si chiude positivamente, con il saldo della cifra e senza ritardi nei pagamenti, questo tipo di informazione resta per 24 mesi. Se si è in presenza di eventi sia negativi che positivi, cioè alcuni finanziamenti saldati in tempo ed altri non saldati o saldati con ritardo; in questo caso tutti e due i rapporti rimarranno visibili per 36 mesi.
Solo 12 mesi, nel caso le rate pagate in ritardo siano solo due.

L'autorità garante della privacy ha avuto grossa parte nella stesura di queste nuove normative, chiedendo più regolarità e trasparenza per i clienti e tempi certi.
Anche i dati personali indicati nel rapporto sono più chiari, al fine di non creare problemi ad ignare persone vittime di casi di omonimia.

La riabilitazione
A seguito di un protesto, si è matematimaticamente certi che i propri dati sono stati inseriti in un registro consultabile da tutta Europa, ma l'informatizzazione ha reso veloce e certa anche l'inserimento in caso di ritardi o pagamenti parziali.
I servizi e le associazioni che si occupano di riabilitazione e di cancellazione di questi dati sono molteplici. Alcune serie, altre meno. Alcune dietro compenso modico, altre più esose.

In alternativa ci si può naturalmente rivolgere a commercialisti, fiscalisti ed avvocati.
Ma occuparsi in prima persona di questo tipo di pratiche non è affatto complicato e fa sicuramente risparmiare.
A seconda del proprio problema, come più volte descritto in queste guide, sarà possibile reperire presso la propria Camera di Commercio, i moduli appositi da compilare, e la lista dei documenti da allegare.
Occorre fare molta attenzione ai documenti richiesti in originale, pena la nullità della domanda.
In caso di pagamento in ritardo di rate:
fino a due rate la cancellazione si ottiene dopo 12 mesi.
Oltre le due rate, la cancellazione può avvenire dopo 24 mesi.
Per le rate che non si sono invece mai pagate: la cancellazione si può chiedere una volta trascorsi 36 mesi dall'ultima rata in ordine di tempo che non si è pagata.
Attenzione però, se l'iscrizione alla centrale dei rischi avviene prima di 120 giorni dalla scadenza della rata non pagata, l'iscrizione è nulla, e deve quindi venire immediatamente cancellata.
In ordine di ottenere la riabilitazione ogni debito deve essere saldato entro certi limiti di tempo, se ciò non fosse possibile, si potrà richiedere di pagare con scadenze mensili, prelevando dallo stipendio o versando tramite un bollettino. Soluzione possibile e frequentemente usata.

IN BREVE
I cattivi pagatori solo coloro i quali non hanno saldato un debito, parte di esso, o l'hanno saldato in ritardo.
In particolare se hanno pagato in ritardo più di due rate.

La riabilitazione e la cancellazione del rapporto di cattivi pagatori è necessaria all'ottenimento di altri finanziamenti.
Con tempistica certa e regolata dalla legge, può avvenire automaticamente trascorso il periodo massimo, o preventivamente con intervento di saldo e riabilitazione.

Post a comment

Gelati 300p250