Logo Prestiti Online
   

Assegno Normativa 2008

Con la nuova normativa, datata 30 aprile 2008 [D.Lgs. n.231/07 art.49], si presentano rilevanti novità. Quella più significativa riguarda l'uso degli assegni bancari. Subentra l'obbligo di emettere solo assegni non trasferibili quando si tratta di una cifra superiore ai 5.000 euro, specificando il nome e la ragione sociale dell'intestatario (ossia beneficiario).

Tutti i libretti di assegni, distribuiti dopo la data in questione, avranno la dicitura "non trasferibile" già stampata, mentre quelli già in nostro possesso dovranno avere il timbro con la stessa indicazione e potranno essere usati fino al loro esaurimento.
Sotto la soglia dei 5.000 euro è ancora possibile usare gli assegni in forma libera - dietro richiesta scritta alla banca - con un pagamento d'imposta di 1,50 euro a modulo, e tale somma verrà poi versata dalla banca all’erario.

Le stesse regole valgono anche per gli assegni circolari, i vaglia postali e quelli cambiari.

Novità anche nel caso in cui l'assegno presenta una o più girate (possibili solo su assegno libero). Per poterlo incassare è d'obbligo apporre, sotto ad ogni girata, la firma e il corretto codice fiscale del girante; in sua assenza l'assegno risulta nullo e non si può incassare. Se il girante è società, occorre indicare il codice fiscale di tale soggetto e non quello di colui che esegue l’operazione.

Per il 2008 nuove normative per la stesura di assegni non trasferibili con limite ad importo a 5000 euro

La normativa riguardo gli assegni non trasferibili

Per gli assegni con dicitura "m.m."(ossia "me medesimo") vengono considerati come "non trasferibili", quindi possono essere girati solamente per l'incasso a una banca o alle Poste Italiane S.p.A., altrimenti non possono più circolare né essere girati ad altri.

L'uso scorretto degli assegni comporta una sanzione pecuniaria amministrativa, che varia tra l'1% e il 40% dell'importo totale dell'assegno stesso.

Con questo decreto si mettono in pratica le direttive europee in materia finanziaria; limitando il consumatore sull'uso del contante, viene tutelato da fonti di denaro sconosciute e magari illecite.

 

Altre guide collegate agli assegni:

Assegno circolare

Assegno Bancario