QUINTO BANCO POSTA

Anche con Poste Italiane si può sottoscrivere un prestito reso tramite Cessione del Quinto: Quinto Banco Posta, per accedervi non è necessario avere un conto corrente aperto presso poste italiane o un conto corrente bancario. Il finanziamento è estinguibile in 36/120 mesi, tramite rate trattenute sullo stipendio o sulla pensione, fino al 20% dell’importo netto.

Possono accedervi i lavoratori subordinati, i dipendenti di P.A. (Pubbliche Amministrazioni), i dipendenti di aziende private con contratto a tempo indeterminato o con un tempo residuo superiore a 24 mesi dalla stipula del contratto, anche se con altri finanziamenti in corso.

Il TFR accumulato è a garanzia del finanziamento, fini all’estinzione del debito, per cui il lavoratore non potrà chiedere anticipi, al proprio datore di lavoro, sul TFR accumulato.

E’ obbligatoria un’assicurazione a coprire i rischi di perdita del lavoro o di premorienza. Il pensionato, in alternativa, può richiedere la copertura di garanzia del Fondo Rischi Inpdap. Le spese legate alla Cessione del Quinto (d’istruttoria, assicurazione, TAN e TAEG) sono a carico del richiedente il prestito.

E’ possibile informarsi sulla Cessione del Quinto agli sportelli degli uffici postali.

Documenti richiesti per lavoratori:

  • Carta d’Identità o patente non scadute
  • Certificato di Stipendio
  • Ultima Busta Paga

Documenti richiesti per pensionati:

  • Dichiarazione di quota di pensione cedibile
  • Carta d’Identità o patente non scadute
  • Tessera Sanitaria
  • Cedolino Pensione (o CUD)
  • Per l’assicurazione obbligatoria: Certificato di Buona Salute

Erogazione (entro 15 giorni dalla data di accettazione):

  • Accredito su Conto Banco Posta 
  • Bonifico sul Conto Corrente Bancario 
  • Assegno Postale Vidimato

 

Post a comment

Gelati 300p250