Agevolazioni sui Prestiti ad Ancona

Elemento caratteristico dei Prestiti Agevolati sono i tassi, che hanno interessi più bassi o che possono essere anche a zero e le rate, che possono essere sospese per un periodo di tempo. Sono crediti di cui possono usufruire sia i privati che le imprese di piccole, medie o grandi dimensioni.

Nelle facilitazioni ai privati la principale forma di prestito agevolato è la Cessione del Quinto dello stipendio, attraverso la quale il cliente ha la possibilità di ricevere una somma e poterla restituire all’istituto di credito sottoforma di rate a quota e tasso fisso, utilizzando una parte del proprio stipendio (1/5). La durata di tale prestito va in genere dai 60 ai 120 mesi e le garanzie che il cliente offre sono il proprio TFR o una polizza sulla vita o lavoro valida da almeno 2 anni.

Proseguendo, il Prestito Inpdap (Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell’Amministrazione Pubblica) è dedicato a chi è iscritto a questo ente come dipendente pensionato, ed avrà la possibilità di usufruire di Fondi che ogni anno vengono raccolti appositamente per i prestiti agevolati; è prevista una restituzione della somma che può avvenire tra i 4 ed i 10 anni e tassi di interesse un po’ più vantaggiosi.

Per i nuclei familiari, il Prestito per Famiglie permette di ottenere una somma da restituire sempre in rate a quota costante e con un tasso di interesse fisso e sempre utilizzando una parte dello stipendio che mensilmente viene percepito.

Per le imprese di ogni categoria (artigianato, commercio, turismo…) che operano all’interno della Regione Marche, la Camera di Commercio di Ancona prevede una serie di contributi a favore del settore del Commercio, dell’Artigianato e dell’Industria: saranno infatti agevolati i Consorzi e le Cooperative di garanzia collettiva “fidi” (CONFIDI) che fanno parte appunto dei settori sopracitati, si tratta di

contributi per incrementare il fondo Rischi e destinati al piano delle insolvenze, in modo da riuscire ad agevolare i prestiti che provengono dagli istituiti di credito e ridurre i tassi di interesse che vengono applicati.

La Regione Marche, mette a disposizione delle imprese impegnate nell’ambito del commercio, un prestito in conto interessi che parte da un minimo di 10mila Euro ad un massimo di 100mila Euro. Tale prestito può essere impiegato per la costruzione di nuovi locali o per la ristrutturazione di quelli già esistenti, per cambiare l’arredamento, acquistare o sostituire attrezzature ed automezzi, ma anche acquistare materiali utili per la produzione fino ad un importo massimo di 30mila Euro.

Infine sono previsti finanziamenti a favore di programmi di investimento che hanno lo scopo di realizzare processi di innovazione aziendale legati ad ambiti quali tecnologia, ambiente, organizzazione, commercio e supporto a processi di internazionalizzazione e miglioramento della sicurezza sul posto di lavoro (si devono effettuare interventi in almeno due ambiti fra quelli appena citati).
Tale programma è rivolto alle micro, piccole e medie imprese operanti nel settore dell’industria e dell’artigianato che si trovano appunto nella Regione Marche e prevede un contributo in conto capitale di importo variabile in base al tipo di investimento da effettuare, alle dimensioni aziendali ed all’ubicazione dell’impresa.

Post a comment

Gelati 300p250