Agevolazioni di Prestiti a Brindisi e nella provincia

Può capitare di aver bisogno di un prestito o di un finanziamento per i motivi più disparati, ma spesso si esita per paura di non essere in grado di assolverlo o per la pesantezza delle rate.
Ci sono però offerte di prestito che possono risultare utili per affrontare un momento difficile, ad esempio

il decreto legge cosiddetto “Anticrisi”  185/2008, in particolare l’articolo quattro, istituisce la possibilità di ottenere un Prestito Agevolato per tutti i genitori con un figlio neonato.
Il vantaggio di questo prestito è una riduzione, fino alla metà, del tasso effettivo globale medio. La domanda può essere presentata fino al 30 giugno dell’anno successivo alla nascita del bambino e il prestito erogato non può essere superiore ai  5.000 Euro. Questa agevolazione è richiedibile una volta all’anno, soltanto in occasione di nascita di nuovi figli. Questa misura introdotta dallo stato è fruibile soltanto da neogenitori.

Molto interessanti sono anche i mutui agevolati assegnati tramite bando dalla Regione Puglia, per i quali è previsto un contributo di 25.000 Euro a fondo perduto per coniugi italiani residenti in Puglia.
Indispensabile, per poter ottenere il capitale, che l'abitazione da acquistare non sia definita di lusso, ma che il suo valore sia compreso tra i 50.000 Euro ed i 180.000 Euro, i richiedenti non dovranno aver già usufruito in precedenza di agevolazioni simili e l'immobile non potrà essere rivenduto prima che siano passati 5 anni.

Per le piccole e medie imprese e le ditte individuali il finanziamento a tasso agevolato della regione Puglia, arriva fino a 25.000 Euro per l'acquisto di nuove attrezzature e fino a 5.000,00 Euro a fondo perduto dedicati per affrontare le spese di gestione del primo anno.

Altra importante agevolazione offerta dalla regione Puglia è quella per favorire lo sviluppo dell’Imprenditoria di giovani residenti in Puglia di maggiore età che hanno intenzione di aprire un’attività volta alla tutela e valorizzazione del territorio. In questo caso il capitale concesso è fino a 25.000 Euro a fondo perduto, somma che potrà essere utilizzata per avere a disposizione maggiori risorse economiche o per affrontare spese riguardanti gli affitti, le attrezzature, ecc.

È presente inoltre in Puglia un’interessante iniziativa regionale, denominata “Credito e inclusione sociale”. Si tratta di un progetto in collaborazione tra Regione Puglia e il CRIF. Al momento di ottenere un prestito il cittadino effettuerà il controllo della propria situazione presso il CRIF, il quale interrogherà una serie di enti sulle inadempienze finanziarie del richiedente. Il risultato dell’inchiesta condotta dal CRIF sarà recapitato al cittadino il quale potrà trasmetterlo all’istituto di credito o alla banca presso la quale ha richiesto il finanziamento o il prestito. Questa possibilità è molto utile per quelle categorie di cittadini che sono difficilmente in grado di ottenere un finanziamento, in particolare i giovani o gli extracomunitari, in quanto non in possesso di una soddisfacente storia di pagamenti. Le banche e gli istituti di credito infatti sono tanto meno propensi a erogare finanziamenti tanto quanto la storia personale del richiedente è scarsa di dettagli o povera di informazioni finanziarie. La Regione Puglia ha quindi trovato un buon metodo per garantire da una parte l’accesso al credito per una certa categoria di utenti, dall’altra parte di dare garanzie alle banche poco propensi a erogare prestiti verso queste stesse categorie.

In ogni caso è sempre consigliabile non avere fretta, se possibile, e di non scegliere la prima offerta che viene presentata, ma di cercare di comparare due o più prodotti per capire davvero quello migliore per le proprie possibilità e per le proprie esigenze.

Post a comment

Gelati 300p250