Come può tutelarsi il Pensionato nella Cessione del Quinto

Prima di firmare un prestito con Cessione del Quinto:

  1. Contattare più di un ente finanziatore.
  2. Farsi fare un preventivo scritto e firmato (o più preventivi da diversi enti).
  3. Richiedere il Foglio Informativo1.
  4. Farsi rilasciare il Documento di Sintesi2.
  5. Attenzione ai costi di apertura del prestito.
  6. Nel caso la richiesta di prestito vi venga rifiutata non dovete pagare nessuna spesa sostenuta per costi di apertura, preventivo o simili. Non vi è nessuna spesa iniziale per avviare la richiesta di finanziamento.
  7. Leggere attentamente il contratto e le clausole: infatti è soltanto ciò che è scritto che ha valore e non ciò che viene riportato a voce. Non firmare mai un contratto in bianco.
  8. Il contratto può prevedere il diritto di recesso entro 15 giorni dalla data in cui è stato firmato, ma è bene che sia specificato nel contratto stesso; in questo caso il richiedente il prestito deve restituire quanto eventualmente percepito come acconto oltre eventuali spese sostenute dall’ente per l’apertura della pratica, che dovranno essere chiaramente dettagliate e precise.
    Per recedere dal contratto entro i 15 giorni, inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno. Il contratto è nullo se non è completo in tutte le sue parti e non contiene la firma dell’ente e quella del richiedente.
  9. Prima di firmare farsi dare copia del contratto, con clausole aggiornate, ed eventualmente farlo leggere da un esperto.
  10. Tenere conto di quanto ammontano il tasso d’interesse (TAN3 e TAEG4 – soprattutto il TAEG o ISC5 che è la voce più importante in quanto contiene tutte le spese).
  11. Fare attenzione alle clausole inerenti ad un’eventuale rinegoziazione del Quinto, nonché all’estinzione anticipata del contratto e le spese non rimborsabili legate ad essa.
  12. Nel caso il datore di lavoro non abbia versato una o più rate, non spetta a voi rimborsarle: la banca deve rivalersi sul datore di lavoro. Fa fede la trattenuta sulla vostra busta paga.
  13. Controllate che il vostro nome non sia per errore indicato sulle liste cattivi pagatori.
  14. Guardare le clausole legate all’assicurazione del contratto. Le spese di assicurazione non devono essere versate prima che la richiesta di prestito venga accettata.
  15. Le spese legate alle indagini svolte da un eventuale Mediatore Creditizio, sono sostenute dalle banche o enti, quindi il Mediatore non può richiedervi di pagargli il lavoro svolto.
 
  1. Documento di sintesi: costituisce il frontespizio del Contratto e contiene un sunto delle condizioni contrattuali ed economiche in esso riportate
  2. Foglio Informativo: contiene le clausole contrattuali e le condizioni economiche.
  3. TAN: tasso annuo nominale
  4. TAEG: tasso annuo effettivo globale
  5. ISC: Indice Sintetico di Costo

 

Altre guide sull’argomento:

Post a comment

Gelati 300p250