Cessione del Quinto – Dipendenti Aziende Private

Anche chi lavora presso aziende private ha diritto ad accedere a prestiti con Cessione del Quinto, sia il richiedente di nazionalità italiana che straniera (extracomunitario o comunitario in Italia da almeno 5 anni, con anzianità lavorativa di minimo 3 anni).

Le garanzie richieste sono il trattamento di fine lavoro accumulato e la stabilità del lavoro, quindi l’impiego a tempo indeterminato dove il lavoratore deve essere presente in servizio (no maternità, cassa integrazione, aspettativa) Inoltre deve avere un’anzianità di servizio minima di 3 mesi. Anche i cattivi pagatori ed i protestati non hanno difficoltà ad ottenere questo tipo di finanziamento. Il prestito sarà determinato dal TFR accantonato e dall’ammontare dello stipendio mensile.

La somma ottenibile dipende anche dalla situazione dell’azienda (numero dei dipendenti, capitale sociale, stabilità economica) e dal tipo di registrazione dell’azienda (Spa – Srl – Sas – Snc) nonché dal rapporto TFR-Montante1.

La rata viene detratta mensilmente dallo stipendio in misura di un quinto dell’importo netto e versata all’ente erogante dal datore di lavoro.

L’assicurazione è obbligatoria per il rischio vita ed il rischio impiego; il lavoratore deve presentare un certificato di buona salute rilasciato da un medico.

Documenti richiesti:

  • Documento di riconoscimento valido: Carta d’Identità, Patente di Guida o Passaporto
  • Fotocopia del Codice Fiscale
  • Indirizzo di Residenza
  • Recapito telefonico
  • Modulo Delega (documento che il lavoratore firma affinché il datore di lavoro possa trattenere dallo stipendio la rata da versare)
  • Certificato di Buona Salute (richiesto dall’assicurazione obbligatoria)
  • Fotocopia del CUD (Certificazione Unica dei Redditi)
  • Certificato di Stipendio in doppia copia, firmato e timbrato dal datore di lavoro (contiene l’ultima busta paga, la retribuzione sia annua che mensile, la data di assunzione, gli anni di anzianità di servizio, l’ammontare della liquidazione di fine rapporto, eventuali trattenute sullo stipendio.)

 

  1. Rapporto TFR/Montante (Coefficiente Assicurativo): vedi la nostra guida

Altre guide sull’argomento:

Post a comment

Gelati 300p250