Cessione del Quinto – Cassa Integrazione

E’ più difficile ottenere un prestito quando si è in Cassa Integrazione1, a maggior ragione un prestito basato sulla restituzione di un quinto dello stipendio, poiché la Cassa Integrazione già riduce lo stipendio mensile e perché l’impiego stesso diventa a rischio; tuttavia alcune finanziarie stipulano il contratto anche in tali condizioni.

Ciò che sarà considerato dalla finanziaria e dall’assicurazione, per decide se erogare o meno un prestito in caso di Cassa Integrazione, sono una serie di fattori, quali gli scatti di anzianità di servizio, il trattamento di fine rapporto, il tipo di cassa integrazione, oltre alle difficoltà dell’azienda.

Se la pratica di Cessione del Quinto è già in atto al sopraggiungere della Cassa Integrazione, è necessario controllare se sul contratto è indicato che l’assicurazione copra tale rischio.

Inoltre è possibile richiedere all’ente finanziatore di rinegoziare le rate e ricalcolarle sul quinto del nuovo reddito imposto dalla Cassa integrazione; in tal caso si avrà un aumento del periodo previsto per la restituzione del prestito.

 

  1. Cassa Integrazione: è un’integrazione salariale sostitutiva prevista per i lavoratori ai quali è stato sospeso l’impiego per il rallentamento della catena produttiva e quindi per esuberanza di personale. La durata varia dalle 13 settimane ai 36 mesi. Può essere ordinaria, ovvero transitoria; oppure straordinaria, che si verifica in caso di crisi del settore, fallimento aziendale o in caso di riorganizzazione dell’azienda. Prevede un assegno mensile inferiore allo stipendio percepito in condizioni di normalità (80% della retribuzione). 

Post a comment

Gelati 300p250