Cessione del Quinto e Consolidamento Debiti

Il Consolidamento Debiti consiste nel riunire diversi pagamenti di prestiti ottenuti, in un’unica rata che andrà ad risolvere i precedenti debiti, inglobandoli in un’unica soluzione. In alcuni casi, con il Consolidamento è possibile ottenere anche altra liquidità.

Esempio di Consolidamento Debiti:

1° finanziamento: rata mensile di 180 Euro
2° finanziamento: rata mensile di 150 Euro
3° finanziamento: rata mensile di 100 Euro

in questo caso il totale dell’importo da versare mensilmente raggiunge la cifra di 430 Euro; con il Consolidamento Debiti è possibile racchiudere queste 3 rate in un’unica soluzione, tramite un nuovo finanziamento che andrà a sostituire e ad estinguere quelli precedenti; la nuova rata verrà ridotta ad un importo inferiore, allungando i tempi per l’estinzione del finanziamento ottenuto.

Anche con la Cessione del Quinto è possibile richiedere un Consolidamento Debiti, dove l’ammontare della rata che andrà ad assorbire l’insieme dei finanziamenti da estinguere, sarà stimato considerando 120 mensilità massime, sempre nella cessione di 1/5 dello stipendio.

E’ possibile affiancare anche un Prestito Delega o Cessione del Doppio Quinto per far fronte ad importi che si rilevassero considerevoli e impossibili da ammortizzare in un periodo di 10 anni, in tal caso l’importo trattenuto sullo stipendio sarà di 2/5.

E’ prevista l’estinzione anticipata anche per il Consolidamento Debiti, senza versare gli interessi non maturati. Per ottenere un Consolidamento dei Debiti è necessario richiedere il Conteggio Estintivo1 agli istituti che hanno erogati i precedenti prestiti.

Al buon fine della richiesta per un Consolidamento dei Debiti potranno incidere il tipo di professione del richiedente ed il tipo di contratto che dovrà essere a tempo indeterminato, nonché l’affidabilità economica dell’azienda ed i suoi bilanci che dovranno essere in ordine

Documenti necessari:

  • Carta d’Identità o Patente di Guida e Codice Fiscale
  • Conto Estintivo dei precedenti finanziamenti
  • Ultimo CUD e busta paga

1.  Conto Estintivo:  viene calcolato sottraendo dall’importo del finanziamento le quote già pagate e gli interessi non ancora maturati e sommando le spese di estinzione anticipata, se previste nel contratto.

Attenzione: rilevando i precedenti finanziamenti si rilevano chiaramente anche tutte le spese che ne facevano parte, oltre agli interessi ad essi legati; aprendo un nuovo finanziamento, che inglobi tutti gli altri, saranno comunque aperte altre spese riguardanti il nuovo prestito.

Altre guide sull’argomento:

Post a comment

Gelati 300p250