I prestiti per Cattivi Pagatori a Napoli

Può capitare a tutti di non essere in grado di pagare una rata di un prestito o addirittura di dimenticarsene. Nel caso si provveda in ritardo al pagamento di due rate consecutive si viene definiti cattivi pagatori. I nominativi dei cattivi pagatori vengono registrati dalla Banca d’Italia, la quale si occupa della gestione di tre Sistemi di Informazioni Creditizie: la Centrale Rischi, la Centrale Allarme Interbancaria e la Centrale Rischi Importi Contenuti. In questo caso diventa difficile accedere al credito sotto forma sia di prestiti che di mutui, anche se la propria posizione non è così grave come quella dei protestati o degli inadempienti.

Una volta che il proprio nome è scritto in uno di questi database, per quanto difficile, non è impossibile ottenere credito.
Il prestito mediante Cessione del Quinto dello stipendio rimane un finanziamento relativamente sicuro per gli istituti eroganti, i quali si possono comunque appoggiare sulla garanzia della busta paga.
Un altro prodotto solitamente utilizzato per la concessione di credito ai cattivi pagatori è il Prestito con Delega di Pagamento. Questo finanziamento è simile al prestito con cessione del quinto, ma permette di ottenere rate più alte. A volte è chiamato, infatti, cessione del doppio quinto proprio perché appunto solitamente la rata richiesta è pari ai due quinti dello stipendio.

Un'ulteriore modalità per i cattivi pagatori potrebbe essere quella di ricorrere al Prestito Cambializzato. Questo prestito prende il nome dal fatto che le rate sono rimborsate al termine di ogni mensilità tramite cambiali. Dato che le cambiali rappresentano una modalità di rimborso rischiosa per il richiedente, di solito questo tipo di prestito è poco usato. È però un'ottima risorsa per i cattivi pagatori dato che l'utilizzo, appunto, delle cambiali tolgono l'obbligo da parte dell'istituto erogante di verificare le liste degli inadempienti. Ciononostante è comunque richiesta la presenza di garanzie. Per i lavoratori dipendenti di solito questa garanzia è il trattamento di fine rapporto, mentre per i lavoratori autonomi è la garanzia di una terza parte o una polizza vita. Inoltre questo tipo di prestito permette la restituzione anticipata della somma erogata senza il pagamento degli interessi residui.

Per i lavoratori autonomi l'accesso al credito può essere più difficoltoso in quanto questa tipologia di lavoratori è solitamente meno sicura dal punto di vista delle banche. Di solito infatti i finanziamenti sono erogati tramite Prestito Cambializzato, come abbiamo appena visto, oppure tramite Prestiti Ipotecari, che sono finanziamenti erogati dando come garanzia la propria abitazione. Solitamente questo tipo di prestito può garantire al richiedente somme di denaro particolarmente consistenti.

Ovviamente chiedere la cancellazione dalle banche dati dei cattivi pagatori è vietato dalla legge, eccetto nel  caso di essere stati vittime di una truffa o di un errore, che va comunque comprovato.
Se si fosse vittime di una truffa è fondamentale farne denuncia quanto prima presso la polizia.

È possibile farsi cancellare dal CRIF, ma soltanto per quanto riguarda le informazioni sulla storia passata positiva del credito.
Questo istituto infatti tiene traccia anche delle transazioni e dei finanziamenti andati a buon fine e la presenza in questo senso in questo database è giudicata positivamente dagli istituti eroganti e dalle banche.
Ricordiamo che queste operazioni, così come la verifica della propria posizione finanziaria, sono completamente gratuite.
Pertanto diffidate di qualsivoglia persona offra servizi di cancellazione, siano essi gratuiti o a pagamento. Nel caso fossero gratuiti, vi potete occupare voi della rimozione del vostro nominativo, ripetiamo, la cancellazione dal CRIF è del tutto gratuita, ma non riguarda in ogni caso le informazioni negative. In ogni caso diverse associazioni consumatori come Adiconsum, Assoutenti, Codacons o Federconsumatori potranno offrirvi consulenza su queste tematiche. 

Post a comment

Gelati 300p250