I Prestiti Agevolati a Udine e nel Friuli-Venezia Giulia

Quando si ha necessità di un prestito, una delle maggiori preoccupazioni è pensare di non riuscire a gestire le rate per un lungo periodo, soprattutto nel caso del mutuo per l’acquisto della prima casa. Il Friuli-Venezia Giulia e la città di Udine propongono agevolazioni che spesso le persone non conoscono e che possono risultare di aiuto specie per le famiglie o i contribuenti più in difficoltà.

Il comune di Udine, nell’ambito delle operazioni anticrisi, ha presentato diverse soluzioni per  l’accesso al credito agevolato. Per chi è in cassa integrazione o con contratti a tempo determinato, per esempio, la regione mette a disposizione prestiti agevolati fino a 3.000 euro se non finalizzati o fino a 15.000 se legati all’acquisto di beni durevoli.

  • Prestito finalizzato: legato all’acquisto di un bene.
  • Prestito non finalizzato: non è legato a servizi o all’acquisto di beni, la somma può essere usata per qualsiasi motivo.

Anche per quanto riguarda la prima casa il comune di Udine e la Regione Friuli Venezia Giulia offrono agevolazioni su prestiti e mutui.

In caso di ISEE e ISE inferiori ai valori stabiliti dal regolamento la Regione presenterà
un contributo pari al 20% (aumentabile fino al 30% in caso di bisogni particolari) e non superiore ai 17.000 Euro (aumentabile fino a 25.000 Euro in caso di condizioni di disagio particolare).

Il contributo sarà erogato in rate mensili per un periodo pari a dieci anni. I requisiti sono, oltre all’ISEE e ISE, la residenza per dieci anni in Italia di cui almeno un anno in Friuli. Ovviamente l’immobile dovrà essere posizionato all’interno del suolo regionale.

La stessa possibilità, con lo stesso meccanismo, è concessa dalla Regione, alle imprese per l’acquisto o la costruzione di alloggi da vendere o assegnare in proprietà. In questo caso il contributo massimo previsto è di 20.000 euro se l’impresa verrà situata sul territorio di Udine o nella Regione Friuli.

Inoltre la Regione Friuli Venezia Giulia, davvero molto attiva nel campo delle agevolazioni per i propri cittadini, concede garanzie per l’ottenimento del mutuo per l’acquisto, la costruzione o il recupero di un alloggio. La garanzia per il mutuo concessa è pari a 37.500 Euro. I requisiti sono i medesimi degli altri progetti illustrati in precedenza.

Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito della regione all’indirizzo www.regione.fvg.it

Rimanendo in ambito governativo, una delle novità più interessanti è la costituzione del cosiddetto Fondo Nuovi Nati. Questo fondo è stato istituito dallo stato nel corso del 2008 per la concessione di un prestito a tasso agevolato fino a 5.000 Euro per tutte le famiglie a cui nasce un figlio in Udine e Regione Friuli.

Il prestito è richiedibile per ogni figlio nato dal 2009 al 2011, con la possibilità di essere richiesto in modo retroattivo, nel senso che alle famiglie è possibile richiedere il prestito entro il 30 giugno dell’anno successivo alla nascita del bambino. Il prestito è restituibile in un massimo di cinque anni (60 mensilità).

Anche in questo caso il sito web del progetto è molto esauriente e si consiglia la visita se si è interessati: www.fondonuovinati.it

Anche lo stato si è assunto l’impegno di portare avanti politiche anticrisi. Una di queste è la possibilità di sospendere le rate del mutuo per dodici mensilità in caso di situazione di difficoltà.
I requisiti per ottenere la sospensione delle rate sono:

  • l’essere in cassa integrazione, 
  • la chiusura dell’attività di lavoratore autonomo, 
  • la perdita del lavoro a tempo determinato o indeterminato, 
  • il decesso di un membro familiare contribuente al reddito della famiglia.

Si ricorda che comunque questa possibilità può essere una buona soluzione a breve termine in caso di oggettive difficoltà, ma gli interessi sulle mensilità aggiuntive sono da pagare comunque, con conseguente aumento dell’ammontare totale del finanziamento.

Inoltre la sospensione delle rate è possibile soltanto in caso di mutuo non superiore ai 150.000 Euro e il reddito imponibile non deve essere superiore ai 40.000 Euro.

Insomma, gli abitanti di Udine e del Friuli-Venezia Giulia hanno diverse opzioni tra cui scegliere nel campo della finanza agevolata.

L’ultimo consiglio che è possibile dare è quello di informarsi sempre molto bene su tutte le possibilità e che ciò che può sembrare conveniente dopo una prima occhiata può non esserlo più dopo una lettura approfondita di termini e condizioni.

Consultare inoltre le associazioni quali la Camera di Commercio e le associazioni di settore è sempre consigliabile per essere sempre aggiornati sulle agevolazioni disponibili.

Post a comment

Gelati 300p250