Agevolazioni Prestiti Taranto

Tra i prestiti maggiormente facilitati troviamo il Prestito Agevolato a Taranto. Un prestito agevolato prevede in generale molti più vantaggi rispetto ad altre forme di finanziamento, innanzi tutto per quanto riguarda i tassi d'interesse che in certi casi possono divenire azzerati, ma anche per ciò che concerne le rate che possono essere posticipate anziché rimborsate nell’immediato.

Si tratta poi di un prestito riservato a determinate categorie di clienti, in quanto si rivolge sia al singolo soggetto che a settori specifici del mercato del lavoro (industria, commercio, agricoltura, turismo..).

Esamineremo ora, in modo più dettagliato, quali siano i prestiti agevolati nella regione Puglia più richiesti dai privati, per passare poi a parlare delle agevolazioni che riguardano invece lo sviluppo dell' imprenditoria della Provincia di Taranto.

Uno dei prestiti agevolati più noti è la "Cessione del Quinto dello stipendio", una soluzione che è riservata ai lavoratori e che da loro la possibilità di richiedere un prestito e poterlo restituire in rate mensili attraverso una detrazione dal proprio stipendio. 

In parole povere mensilmente "la quinta parte" dello stipendio del lavoratore che ha ottenuto il prestito verrà impiegata per saldare le rate.
Solitamente la durata della cessione del quinto va dai 60 ai 120 mesi e prevede un tasso fisso  
è una delle soluzioni più adottate dai clienti e preferite in qualche modo dalle finanziarie poiché a garanzia del rimborso vi è il TFR del richiedente (o eventualmente un polizza vita/lavoro).

Abbiamo poi un altro esempio dato dal Prestito INPDAP (Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell’Amministrazione Pubblica), grazie al quale gli iscritti a questo ente potranno beneficiare di alcuni fondi messi a disposizione ogni anno per la creazione di prestiti agevolati.

E' dedicato ai lavoratori ed ai pensionati statali, può essere impiegato per affrontare qualunque tipo di spesa e prevede un piano di ammortamento che può variare dai 4 ai 10 anni e dei tassi di interesse molto vantaggiosi rispetto a molti altri istituti di credito.

Molto importante è anche la questione dei mutui agevolati concessi nella Regione Puglia e nella città di Taranto.
Ad esempio è previsto un contributo di 25.000 Euro, assegnato tramite bando, a fondo perduto per i coniugi di cittadinanza italiana e residenti in Puglia (uno dei due deve esservi residente da almeno 3 anni).

In questo caso ci sono alcune regole ben precise da seguire per poter ottenere il capitale, come ad esempio il fatto che l'abitazione che si ha intenzione di acquistare non deve essere definita "di lusso", il suo valore dovrà essere compreso tra un minimo di 50.000 Euro ed un massimo 180.000 Euro, i coniugi richiedenti dovranno dichiarare di non aver già usufruito in precedenza di una agevolazione simile e non dovranno rivendere l' immobile in questione prima che siano passati 5 anni.

Vediamo ora alcuni finanziamenti agevolati che hanno lo scopo di promuovere lo sviluppo delle imprese e dell' economia della Provincia di Taranto, che si propongono come un grande aiuto per superare, in qualche modo, alcune difficoltà che si possono riscontrare in questi settori, finanziamenti di cui vale la pena parlare in quanto si rivolgono soprattutto a coloro i quali volessero avviare un' impresa nonostante il periodo di crisi che ha colpito il settore del lavoro.

Parliamo innanzi tutto delle agevolazioni per le piccole e medie imprese, (previste dalla Legge 266/97), nello specifico dei finanziamenti a favore del "Lavoro autonomo" e della "Microimpresa".

  • Per quanto riguarda il Lavoro Autonomo, ovvero la produzione autonoma di beni e servizi da parte di ditte individuali, il finanziamento concesso dalla Regione Puglia arriva fino a un massimo di 25.823 Euro, a tasso agevolato, per l' acquisto di nuove attrezzature e di 5.164,57 Euro, a fondo perduto, necessari per le spese di gestione del primo anno di attività. 
  • Per quel che riguarda invece la Microimpresa, e dunque quell' attività imprenditoriale di piccole dimensioni composta sottoforma di società di persone, è previsto un finanziamento fino ad un massimo di 129.114 Euro, a tasso agevolato, per favorire l' acquisto di attrezzature e fino a 100.000 Euro, a fondo perduto, per affrontare le spese di gestione del primo anno.

Ulteriore importante agevolazione è quella a favore dell' "Imprenditoria giovane" (prevista dalla Legge 95/95), che si rivolge appunto ai giovani residenti in Puglia (italiani o stranieri) di maggiore età e nati dopo il 1 gennaio 1977, riuniti in gruppi di almeno 2 persone, che hanno intenzione di impegnarsi in un ambito a scelta fra: "tutela e valorizzazione del territorio", "sviluppo dell' economia della conoscenza e della innovazione", "inclusione sociale e della cittadinanza attiva".

In questo caso il capitale concesso sarà di 25.000 Euro (massimo) a fondo perduto, che potranno essere utilizzati per avere a disposizione maggiori risorse economiche o per affrontare spese riguardanti gli affitti, le attrezzature, ecc. per le "cooperative sociali", ovvero quelle che si occupano di inserimento lavorativo e che al loro interno annoverano un quota (30% almeno) di lavoratori svantaggiati che però risultino anche soci.

In risalto

Vi consigliamo di consultare gli enti preposti, come il Comune di Taranto, la Regione Puglia e la Camera di Commercio per ricevere informazioni più dettagliate sui bandi di concorso ed i requisiti necessari per partecipare.

Post a comment

Gelati 300p250

Contenuti correlati