Agevolazioni Prestito Verona

A causa della recente crisi economica che a colpito Verona o per altri fattori può capitare di avere bisogno di un prestito o di un mutuo, ma che si tema di non essere in grado di pagare le relative tasse o che non si abbia la possibilità di pianificare le finanze per gli anni successivi, soprattutto nel caso dei mutui, che sono più impegnativi e più difficili da gestire nel lungo termine.

Esistono però diversi prodotti e opportunità per ottenere agevolazioni più o meno vantaggiose, alcune delle quali sono rivolte direttamente ai cittadini di Verona e della Regione Veneto.

Per tutti coloro che hanno appena dato alla luce un figlio o intendono chiedere un’adozione, il decreto legge “Anticrisi” 185/2000, tra i numerosi punti ha anche stabilito la possibilità di richiedere un prestito agevolato, garantito dallo stato, fino ai 5.000 euro.

L’agevolazione, che non presenta alcun limite di reddito, riguarda una riduzione fino al cinquanta per cento del tasso effettivo globale. Per i bambini affetti da malattie rare sono previste ulteriori agevolazioni.
Maggiori informazioni sono disponibili sul sito Fondo Nuovi Nati.

Per quanto riguarda le famiglie, un’altra possibilità è data dal “Piano Famiglie” approvato dall’Associazione Bancaria Italiana, che permette di interrompere per un anno il pagamento delle rate mensili del mutuo; prerequisiti sono:

  • la perdita del lavoro o della scadenza del contratto di almeno un componente della famiglia
  • la cessazione dell’attività di lavoratore autonomo
  • la morte di un membro della famiglia stessa

Il provvedimento è operante soltanto in caso di mutui per la prima casa e per nuclei familiari con reddito non superiore ai 40000 euro.
Non tutte le banche aderiscono a questo piano, alcune solo o in parte, ma la stragrande maggioranza delle banche presenti sul territorio italiano si è accordata per una sospensione di dodici mensilità con le condizioni di cui sopra.

Il rovescio della medaglia è che gli interessi di questi dodici mesi si dovranno comunque pagare nelle restanti mensilità e di fatto l’ammontare pagato al termine del mutuo sarà leggermente più elevato. Si stima che siano circa 150000 le famiglie italiane interessate da questo provvedimento.

Rimanendo in tema di mutui agevolati, il Piano Casa della Regione Veneto (non solo la provincia di Verona) prevede un budget dedicato di 500 milioni di euro,  per l'accesso al mutuo, per importi fino a centomila euro, con iter semplificati.
In caso di ristrutturazione o costruzione si potrà ricorrere a un mutuo trentennale fino a trecentomila euro.

Inoltre è previsto un ulteriore prodotto dedicato agli impianti per energie rinnovabili, di importo fino ai 75.000 euro rimborsabile in dodici anni. Tutti questi prodotti finanziari hanno il vantaggio di essere senza spese di istruttoria e a tasso fisso.

Un altro prodotto apparso da pochi anni sul mercato, è il Mutuo Alberto della Banca Popolare di Verona, riservato ai clienti della banca. All’apparenza è un normale mutuo a tasso variabile di durata solitamente trentennale per l’acquisto, la ristrutturazione o la costruzione della casa, ma la novità è che, essendo questo prodotto collegato al conto corrente, permette di far confluire nel pagamento del mutuo gli interessi maturati sul conto stesso, in modo da ridurre la rata o addirittura la durata del finanziamento.

Opportunità per un risparmio non mancano, basta solo avere la volontà e la determinazione di cercare bene l’agevolazione che può davvero avvantaggiare e non far risparmiare soltanto all’apparenza.

In risalto

Vi consigliamo di visitare il sito internet della Regione Veneto e della città di Verona per conoscere le nuove iniziative ed eventuali bandi per la concessioni di prestiti e mutui agevolati.

Post a comment

Gelati 300p250