Quel tesoro di BankItalia...

Tocchera' a Giulio Tremonti, ministro in pectore dell'Economia, risolvere tra le pieghe dei primi documenti di bilancio per il 2009 il nodo del nuovo assetto azionario della Banca d'Italia, ora in mano a una sessantina di banche private, fra cui spiccano quelle dei gruppi Intesa Sanpaolo (complessivamente al 42% circa) e di UniCredit (oltre il 22%).
Secondo Milano Finanza, la sistemazione del quadro azionario di Palazzo Koch, secondo la norma, dovra' avvenire attraverso un regolamento, di cui pero' adesso non vi e' traccia. O meglio, ce n'era traccia nel disegno di legge di riforma delle Authority che pero' ormai e' lettera morta. La riforma cancellava il termine del dicembre 2008 e prevedeva un decreto legislativo "volto ad ampliare il novero dei possibili partecipanti al capitale della Banca d'Italia e a introdurre limiti al possesso azionario a garanzia dell'indipendenza della medesima".
Questa era la via preferita dal governatore Mario Draghi, espressa nella relazione del maggio 2007 ma ora tutto e' rimesso in discussione ed i tempi si fanno sempre piu' stretti.

Confronta le banche online

Etichette:

mercoledì 30 aprile 2008
Inserito da: Cristiano, 23.48 | Link | 0 Commenti

Borse: chiusura in leggero ribasso

Chiusura in leggero ribasso per le Borse Europee a causa dei dati non positivi provenienti dal fronte americano, soprattutto per il calo della fiducia dei consumatori ad aprile a 62,3 punti dai 65,9 di marzo (dato rivisto). Il dato, che si è attestato ai minimi dall'aprile 2003, è risultato comunque migliore delle attese degli analisti.
Inoltre nella conferenza stampa tenutasi oggi il presidente Bush ha anticipato che il dato riguardante il pil, che verrà reso noto domani, rileverà un rallentamento, anzi quasi una stasi dell'economia americana.
Dal fronte monetario l'euro ha mantenuto quasi invariata la sua quota, anche se in leggera discesa, nei confronti del dollaro oscillando tra 1,5540 e 1.5659.
Sicuramente da questo fronte si attende la FOMC per domani sera sulla decisione tassi d'interesse, anche se si prevede forse un ulteriore ribasso di 0,25..
Attendiamo i dati importanti di domani per dare maggiori info sulle tendenze dei mercati..

www.trust-trading.it

Etichette:

martedì 29 aprile 2008
Inserito da: trust-trading, 17.28 | Link | 0 Commenti

Inizio di settimana contrastato per le borse...

Chiusura contrastata per i mercati azionari europei: a Milano il Mibtel ha perso lo 0,13%, a Francoforte il Dax ha guadagnato lo 0,42%, a Londra il Ftse100 ha registrato un +0,12% e a Parigi il Cac40 ha messo a segno un +0,69%. L’operatività è stata condizionata da un lato dalle buone notizie arrivate dal fronte societario (è ripresa l’attività di M&A negli Usa con Mars che ha acquistato Wrigley per 23 mld di dollari in contanti; JP Morgan ha previsto svalutazioni in calo per le banche europee nei prossimi mesi) e dall’altro dalle incertezze sulle prossime mosse di politica monetaria della Fed. L’inarrestabile ascesa delle quotazioni del greggio (è tornato a testare i 120 USD al barile complici le tensioni in Nigeria ed Iran; il presidente dell’Opec non ha escluso che il prezzo possa salire fino a 200 USD) e dei generi alimentari ha rafforzato i timori degli operatori legati ad una crescita incontrollata dei prezzi e aumentato le probabilità di uno stop ai tagli del costo del denaro per evitare tale rischio. La Banca Centrale americana comunicherà la sua decisione mercoledì e nello stesso giorno verranno resi noti i dati sul Pil Usa del primo trimestre. In settimana sono attese altre statistiche macroeconomiche importanti dagli Stati Uniti: indice Pmi di Chicago (mercoledì), spese e redditi personali (giovedì), Ism manifatturiero (giovedì), tasso di disoccupazione e nuovi posti di lavoro creati (venerdì).
L'euro chiude sotto 1,57 dollari dopo aver toccato un minimo di 1,5594. La moneta unica perde terreno contro il dollaro ed e' scambiata a 1,5644 sul finale in una seduta caratterizzata dal taglio delle previsioni di crescita Ue e dalle parole del presidente dell Bce, Jean-Claude Trichet, che ha definitivamente allontanato la prospettiva di un taglio dei tassi ribadendo che l'obiettivo della banca centrale resta la stabilita' dei prezzi. La Commissione europea dal canto suo ha ridotto le stime di crescita per la zona euro all'1,7% dall'1,8% indicato a febbraio. Ora gli occhi sono puntati sulle prossime mosse della Fed. La riunione del Fomc e' in programma per mercoledi' e i mercati sono pronti a scommettere che la banca centrale Usa procedera' a un nuovo taglio, forse l'ultimo, di 25 punti base.
Aspettiamo le prossime mosse per mercoledì..

www.trust-trading.it

Etichette:

lunedì 28 aprile 2008
Inserito da: trust-trading, 18.08 | Link | 0 Commenti

Venerdì.....

Il crollo della fiducia dei consumatori americani registrato ad aprile (ai minimi dal 1982 per via delle preoccupazioni sollevate dall’inflazione e dal continuo indebolimento del mercato immobiliare) e le deboli indicazioni fornite da Microsoft per i prossimi trimestri, non sono riusciti a compromettere il rally delle Borse europee innescato dai risultati migliori delle attese comunicati da gruppi del calibro di Ericsson, Volvo e Man: a Milano il Mibtel ha guadagnato l’1,12%, a Francoforte il Dax ha archiviato un +1,10%, a Londra il Ftse100 ha registrato un +0,67% e a Parigi il Cac40 ha messo a segno un +0,99%. A Piazza Affari la seduta è stata caratterizzata da scambi piuttosto limitati per via della giornata festiva. I movimenti di maggiore interesse sono stati registrati tra gli industriali dove spiccano il +5,09% di Fiat (ha continuato a trarre beneficio dai brillanti conti trimestrali presentati alla vigilia e dall’ottimismo manifestato dall’amministratore delegato, Sergio Marchionne, sul raggiungimento dei target di fine anno), il +7,68% di Luxottica (ha chiuso il primo trimestre con un utile netto in calo del 19% a 103,7 mln di euro a causa della debolezza del dollaro, ma ha confermato gli obiettivi indicati ad inizio anno) e il +4,77% di Stm. Non sono mancati spunti interessanti anche tra i bancari. I riflettori sono stati puntati soprattutto su Bca Mps: l’aumento di capitale da 5 mld di euro varato per finanziare l’acquisizione di Antonveneta prenderà il via lunedì e le azioni saranno offerte a 1,5 euro. Il forte sconto a cui saranno offerti i titoli ha innervosito gli operatori provocando brusche oscillazioni in Borsa: dopo avere sfiorato una perdita di quasi il 10% il titolo ha invertito rotta chiudendo con un +2,19%. Nel settore si sono messi in evidenza anche Unicredit (+3,40%) e Bca Pop Milano (+2,66%). Si è chiusa un’altra seduta difficile per Alitalia (-13,62%): il cda ha comunicato di non avere ricevuto nessuna offerta dopo l’uscita di scena di Air France-Klm e ha ribadito che la società ha urgente bisogno di un aumento di capitale. Hanno pesato anche i dubbi manifestati da alcuni esponenti della Ue circa la legittimità del prestito-ponte da 300 mln di euro concesso dal Governo italiano. Sul mercato valutario l’euro ha approfittato dei deboli dati americani per riportarsi sopra quota 1,5650 contro il dollaro dopo avere toccato un minimo intraday a 1,5557.
www.trust-trading.it

Etichette:

venerdì 25 aprile 2008
Inserito da: trust-trading, 18.14 | Link | 0 Commenti

Banking online ... una grande soddifazione

Dopo una indagein resa nota dal' ForeSee, nell'ulitimo cinquenno la soddisfazione dei clienti bancari rispetto ai servizi online di banking è salita notevolemente registrando un punteggio di 82 su 100.

Secondo gli esperti di ForeSee, il beneficio maggiore avvertito verso il servizio di banking online è collegato alla comodità delle operazioni online.

Etichette:

giovedì 24 aprile 2008
Inserito da: Admin, 19.34 | Link | 0 Commenti

Giornata piena di alti e bassi...

Si è chiusa una giornata estremamente volatile per i mercati azionari europei, con gli indici che hanno cambiato direzione più volte prima del deciso recupero registrato nelle ultime battute.I listini del Vecchio Continente hanno tratto beneficio dalla partenza positiva di Wall Street che ha sfruttato sia l’effetto Boeing (l’utile nel primo trimestre è salito a 1,2 mld di dollari) sia l’aumento registrato dalle scorte di greggio negli Usa nell’ultima settimana (+2,4 mln contro attese pari a +2,1 mln) che ha fatto scendere le quotazioni del petrolio sotto i 117 dollari al barile e allentato i timori legati ad un’inflazione fuori controllo (la situazione resta comunque critica).
Per quanto riguarda i mercati valutari l'euro dopo i record dei giorni scorsi ha evidenziato un freno nella giornata odierna tornando sotto quota 1.59 dopo che il governatore della Banca di Francia, Christian Noyer, ha corretto il tiro, dopo che ieri le sue dichiarazioni su un possibile rialzo dei tassi europei da parte della Bce avevano fatto schizzare l'euro sopra 1,60 dollari. In un'intervista al Wall Street Journal Noyer ha spiegato invece che i mercati hanno frainteso le sue parole, precisando che la banca centrale europea potra' operare nei due sensi e cioe' sia alzando che abbassando i tassi. Una precisazione che ha fatto ripiegare la moneta europea dai massimi, in attesa del discorso di domani del presidente Trichet!
Sono giorni un pò altalenanti anzi con molta volatilità e non è facile capire cosa vorranno fare i mercati e quali prospettive si possono più o meno avere..L'attesa è molto alta per il mercato americano e la sua crisi, si aspettano cenni positivi per un pò di fiducia da parte degli investitori e analisti, anche se le previsioni non sono a breve termine..
Intanto speriamo in un possibile ribasso dei tassi d'interesse anche in Europa per far respirare un pò l'economia e cercare di farla leggermente ripartire insieme ad un ribasso dei prezzi, anche se buone prospettive col caro petrolio non ce ne sono..
vedremo se l'aumento di produzione dei barile giornaliero deciso oggi faranno dare un pò di tregua al continuo rialzo del prezzo per una maggiore offerta sul mercato.
Nella speranza che tutto ciò accada noi continuiamo il nostro lavoro e servizio per chi vuole investire su mercati Eurex-forex-futures!
A domani... www.trust-trading.it

Etichette:

mercoledì 23 aprile 2008
Inserito da: trust-trading, 23.12 | Link | 0 Commenti

Crisi dei mutui subprime americani pesa sulle decisioni di investimento degli italiani


L'inchiesta indagine condotta da Acri-Ipsos evidenzia come la crisi dei mutui subprime americani pesa sulle decisioni di investimento degli italiani, che lasciano parzialemnte gli investimenti sul mattone a favore di strumenti finanziari giudicati più sicuri come ad esempio obbligazioni e Titoli di Stato.

Il numero di risparmiatori italiani che investono nel mattone e quindi negli immobili è diminuito del 15% (dal 70% del 2006 al 55% attuale), mentre sarebbe possibile osservare un aumento medio del 12% del numero di italiani che ricorrono a strumenti finanziari come Bot, certificati di deposito, obbligazioni, libretti di risparmio (dal 13% del 2006 al 25% attuale).

Guida tematica di prestiti online collegata al mutuo
Mutuo Prestito

Etichette:


Inserito da: Admin, 18.50 | Link | 0 Commenti

La piattaforma di micro finanziamento di Kiva

Kivia, l'associazione no profit per concedere micro credito alle persone piu bisognose nei paesi di sviluppo
Kiva è un sito internet è una piattaforma di micro finanziamento, rivolta ad imprenditori dei paesi in via di sviluppo come africa e asia. Utilizzando Kiva è possibile dare credito e finanziare direttamente un progetto imprenditoriale di un piccolo imprenditore in un paese di sviluppo.

Il prestito minimo consentito è di 25 dollari Americani (il massimo è di 150 dollari), che nel 98% dei casi viene restituito nell durata dii a un anno- un anno e mezzo.

Il portale di Kiva.org non trattiene nessuna commisione ne percentuale e non ci sono interessi sul prestito.
Tramite Kiva.org è possibile scegliere il progetto che si vuole microfinanziare e tramite un software è possibile essere sempre aggiornati sugli sviluppi del finanziamento.

Oltre all'idea che i soldi vengano investiti e porteranno frutto, è possibile seguire la strada del proprio denaro: ogni imprenditore infatti ha la sua storia, la sua foto e si impegna a comunicare attraverso il sito i propri progressi.
Senza rimetterci nulla, facendo un microfinanziamento attraverso Kivia, si guadagna la soddisfazione di avere aiutato qualcuno nel mondo a realizzare un piccolo sogno

Per maggiori articoli sul prestito e solidarietà seleziona

Etichette:


Inserito da: Admin, 17.59 | Link | 0 Commenti

Cosa è la Cessione del quinto dello stipendio?



Interessante Video che spiega cosa è la cessione del quinto dello stipendio per i dipendenti.

La cessione del quinto nasce a beneficio dei dipendenti pubblici e statali.
Al momento la cessione del quinto è estsa a tutti i dipendenti anche privati.

Scoprite ne l dettaglio il prestito cessione del quinto

nota bene: il video potrebbe promuovere istituti di credito, VI preghiamo di esaminare attentamente i contenuti

Etichette:


Inserito da: Admin, 17.38 | Link | 0 Commenti

Prestiti ipotecari in rallentamento in Europa

tassi in discesa per i prestiti ipotecari
La crescita dei prestiti ipotecari nell’area euro rallenta ancora a marzo.

Il tasso di crescita annuale dei prestiti mirati all' acquisto di una abitazione ha otteneuto il picco nel mese di Marzo 2006, al 13,8%, e da allora si è dimezzato, scendendo fino al 6,8% in Febbraio, il record minimo da gennaio 2000.

Il rallentamento della crescita è dovuto al tasso di rifinanziamento della Banca Centrale Europea, che è raddoppiato dal 2% al 4% negli ultimi tempi.

In prospettiva delle tensioni nei mercati monetari europei ed internazionali, la pubblicazione M3 di marzo probabilmente mostrerà la continuità del trend al ribasso del prestito per la crescita dell’acquisto di case.
Leggi altri articoli correlti su Prestiti Online

Etichette:


Inserito da: Admin, 17.25 | Link | 0 Commenti

Caduta borse..nuovi record.......................

Dopo un recupero nella seconda parte della mattinata delle borse Europee dopo un inizio non del tutto positivo tornano in segno negativo con l'apertura di Wall Street a causa dei risultati di Texes Instruments, usciti dopo la chiusura di ieri della borsa americana. La Texas ha deluso i mercati soprattutto per quanto riguarda il suo outlook.
A questo calo delle borse si sono verificati due nuovi record: quello del petrolio a 118,47 dollari al barile ormai previsto per i 120 e quello dell'euro sul dollaro raggiunta la quota di 1.60!!
Mercati molto dinamici a causa delle varie notizie che escono sui mercati e sulle prospettive di un'economia Americana debole a causa della grossa crisi dei mutui che la rende molto volubile!
Giornata che chiuderà senza nessun particolare cambiamento sugli andamenti dei mercati!
Si attenderanno le notizie economiche dei prossimi giorni a dar un'idea dell'andamento economico-finanziari Americano ed Europeo!!
In attesa di qualche delucidazione migliore noi continuiamo a lavorare con i nostri Trend System e a migliorarci..
Anche oggi giornata molto soddisfacente dal punto di vista risultati.. www.trust-trading.it
Buona serata..

Etichette:

martedì 22 aprile 2008
Inserito da: trust-trading, 17.02 | Link | 0 Commenti

Solvibilità e prestiti. Chi decide l'affidabilità del richiedente


Oggi giudichiamo banche e finanziarie, studiamo le caratteristiche dei migliori prestiti online offerti. Fatta la richiesta, ecco che finiamo inesorabilmente sul banco degli imputati, giudicati sulla nostra affidabilità.


Esistono società, ai più sconosciute, capaci di far realizzare tutti quei sogni o bisogni che si hanno in mente quando ci rivolgiamo ad una banca o a una finanziaria per ottenere un prestito.


Si tratta di società specializzate nel rating di aziende e risparmiatori, ovvero creano i profili di rischio degli utenti bancari in cerca di credito.
Sanno tutto di noi richiedenti: ritardi nei pagamenti, carte di credito, contenziosi e accertamenti.


Purtroppo per chi ricerca un finanziamento non vi è possibilità d'appello, qualora venisse sentenziato un rating negativo.

Oggi queste società stanno conquistando una sempre maggiore rilevanza in Usa e Gran Bretagna e stanno spostando i loro confini ai Paesi emergenti.

La crisi dei mutui americani subprime, concessi troppo facilmente e senza controlli approfonditi sulla capacità di rimborso del richiedente, ha reso sempre più necessaria la presenza di questo esercito di paladini della solvibilità delle gente.

Etichette:

sabato 19 aprile 2008
Inserito da: Tommy, 15.07 | Link | 0 Commenti

Venerdì positivo per i mercati.....

Chiusura di settimana molto positiva per i mercati Europei grazie alle notizie provenienti dal comparto finanziario. In scia alla buona tenuta della borsa di Wall Street, galvanizzata dalle buone trimestrali di alcune big, ma soprattutto dalla trimestrale Citigroup, che ha contribuito a sostenere i titoli bancari.
Per quanto riguarda il mercato valutario oggi si è avuto un rafforzamento del dollaro nei confronti dell'Euro che hanno portato ad un piccolo ribasso del prezzo del petrolio dopo i record dei giorno scorsi.
Questa positività ha portato ad un ottimo rialzo dell'indice Sp/mib che ci ha permesso di chiudere la nostra posizione long con un'ottimo risultato, nonchè buoni risultati negli altri indici Futures attraverso i nostri TS..
Azionario positivo ha portato ad una caduta dell'obbligazionario e di conseguenza dell'indice Bund.
Anche qui buoni risultati sfruttando al meglio il trend di giornata .
Per vedere le varie performance visitate il sito www.trust-trading.it e troverete tutte le info.
Da lunedì vedremo se questa tendenza positiva verrà confermata dalle varie macro economiche e notizie societarie!
Per ora ottimi rialzi in questi ultimi giorni di borsa che fanno prospettare agli operatori un pò di positività.
Nuovo aggiornamento a lunedì..
Buon week-end a tutti.

Etichette:

venerdì 18 aprile 2008
Inserito da: trust-trading, 17.34 | Link | 0 Commenti

Giornata di borsa odierna..

Dopo i forti rialzi della vigilia sui listini del Vecchio Continente sono scattate le prese di profitto sulla scia dei risultati trimestrali non troppo convincenti rilasciati da Merrill Lynch (ha registrato una perdita di 2 mld di dollari) e Nokia (l’utile ha mancato le attese degli analisti): a Milano il Mibtel ha perso lo 0,31%, a Francoforte il Dax ha archiviato un -0,31%, a Londra il Ftse100 ha registrato un -1,08% mentre a Parigi il Cac40 ha guadagnato lo 0,15%. Le indicazioni macroeconomiche arrivate sia dall’Europa che dagli Usa non hanno contribuito a migliorare il clima sui mercati: la Bce ha sottolineato che esistono pressioni al rialzo sull’inflazione e che questa rappresenta una minaccia per la crescita, mentre i dati sulle richieste settimanali di sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti (+17 mila a 372 mila) e quelli sull’indice Fed di Philadelphia (sceso a -24,9 punti ad aprile) hanno confermato ancora una volta le difficoltà della congiuntura americana (una boccata d’ossigeno è arrivata dal leading indicator, salito a marzo dello 0,1%). Il tonfo di Nokia ha trascinato al ribasso l’intero comparto tecnologico europeo. A Piazza Affari ne ha risentito soprattutto Stm (la società finlandese è uno dei principali clienti del gruppo) che ha perso l’1,27%. Il nuovo record registrato dal prezzo del greggio (ha superato anche i 115 dollari) non è riuscito a scaldare i titoli del settore: Eni ha archiviato un +0,13% e Saipem un +0,07%. Spunti interessanti sono stati registrati sul Midex dove spicca il +9,77% di Banca Italease e il +1,89% di Tiscali. Su quest’ultima continuano a rincorrersi i rumors sui soggetti interessati a rilevare la società. Sul mercato valutario l’euro ha aggiornato il record storico nei confronti del dollaro toccando quota 1,5983; l’allarme inflazione scattato dopo i dati di ieri sui prezzi al consumo nell’Eurozona ha spinto gli operatori a scommettere su un possibile aumento del costo del denaro da parte della Bce.

Etichette:

giovedì 17 aprile 2008
Inserito da: trust-trading, 18.34 | Link | 0 Commenti

Cresce la richiesta di finanziamento azienda


In crestia le richieste di prestiti e finanziamenti aziende per le imprese italiana.

Coì dice il report trimestrale della Banca d'Italia sul l'andamento economico.

"La crescita dei prestiti e finanziamenti bancari in Italia - rimane elevato (9,9% a nel mese di febbraio), come la crescita della domanda di finanziamenti delle aziende, in presenza di un rallentamento di quella delle famiglie".

Le banche italiane inoltre avvertono di aver irrigidito i criteri per l'erogazione del finanziamento per le imprese.

Etichette:


Inserito da: Admin, 14.43 | Link | 0 Commenti

Prestiti tra privati. Alla ricerca del miglior TAEG !

Coloro che vorrebbero richiedere un prestito su internet a tassi ragionevoli e coloro che intendono investire in maniera più redditizia il loro denaro, oggi possono facilmente incotrarsi in due siti italiani: Boober (www.boober.it) e Zopa Italia (www.zopa.it).

Non sono dei mediatori creditizi, quindi offronto minori tutele: minori garanzie richieste e non vi è obbligo di TAEG trasparente (il vero costo del prestito). Recentemente Altroconsumo ha analizzato il TAEG davvero poco competitivo di questa tipologia di prestiti.
L'idea di un prestito a interessi più leggeri rispetto a sportelli bancari e istituti finanziari sembra quindi ancora velleitaria...

Leggi tutto l'articolo

Etichette:

martedì 15 aprile 2008
Inserito da: Tommy, 18.28 | Link | 0 Commenti

Prestito studente online - Il prestito per iniziare o continuare gli studi


Nuovo approfondimento pubblicato su prestiti online:
Le finanziarie concedono prestiti agli studenti per coprire tutte le spese riguardanti la formazione: dai libri alle rette scolastiche, dal materiale didattico necessario per i corsi alle varie spese da sostenersi durante il periodo formativo.
Per ottenere un prestito per studenti, nel caso in cui ci si rivolga ad una società finanziaria, è necessario possedere un reddito che faccia fronte al rimborso delle rate che avranno cadenza mensile.
Leggi l'articolo completo sul prestito per studenti clicca prestito studente online.

Etichette:

martedì 8 aprile 2008
Inserito da: Admin, 17.36 | Link | 0 Commenti

Dal 30 aprile 2008 solo assegni non trasferibili



La Circolare n. 18 del 07/03/08 dell' Agenzia delle Entrate stabilisce che:
“Per ciascun modulo di assegno bancario o postale richiesto in forma libera ovvero per ciascun assegno circolare o vaglia postale o cambiario rilasciato in forma libera è dovuta dal richiedente, a titolo di imposta di bollo, la somma di 1,50 euro.
Ciascuna girata deve recare, a pena di nullità, il codice fiscale del girante.”
e precisa che “Le disposizioni di cui al presente articolo entrano in vigore il 30 aprile 2008”; a decorrere da questa data, la somma di euro 1,50 prevista dal comma 10 dell’articolo 49, è dovuta “a titolo di imposta di bollo”, per ogni modulo di assegno bancario o vaglia postale rilasciato dalle banche o dalle Poste italiane s.p.a. in forma libera fin dall’origine.
Per leggere l'articolo completo visita:
Assegno non trasferibile

Articoli correlati per assegni bancari:
Assegno Bancario
Assegno circolare
Assegno con girata
Assegno sbarrato
Assegno spillato

Etichette:


Inserito da: Admin, 17.16 | Link | 0 Commenti

Europa: attenzione alla potenziale crisi

Il direttore generale del Fondo monetario internazionale, Dominique Strauss-Kahn, ha affermato che inflazione e recessione sono in Europa dei problemi potenziali. Durante la conferenza sulle riforme strutturali Strauss-Kahn ha evidenziato anche che i governi dei Paesi europei dovrebbero, limitare i danni economici della potenziale crisi dei mercati finanziari.

Etichette:


Inserito da: elikim, 12.02 | Link | 0 Commenti

Sostegno per l’imprenditoria femminile

Prevista dalla finanziaria 2008 un fondo per il sostegno dell’imprenditoria femminile; grazie alla proposta del Ministro delle Pari Opportunità, Barbara Pollastrini. L’obiettivo dell’ articolo 32 della legge finanziaria 2008 è quello di favorire la nascita di imprese femminili.

Il fondo ammonterebbe a 100 milioni di euro, le imprenditrici potranno usufruire dei fondi come strumento di garanzia per la concessione di finanziamenti; parte del fondo sarà peraltro destinato al sostegno delle realtà femminili già esistenti.

Etichette:

martedì 1 aprile 2008
Inserito da: elikim, 10.57 | Link | 0 Commenti

Investimenti europei: il 25% per il fotovoltaico

La conferenza di Francoforte su “PV Investments”, organizzata da EPIA, ha confermato le percentuali sugli investimenti europei nel settore delle tecnologie pulite. Il 25% degli investimenti europei è dedicato al distretto fotovoltaico.

Un’analisi accurata dei principali mercati europei afferma che gli investimenti nel settore fotovoltaico sono in costante crescita in Italia e Francia; in Grecia, invece, gli intoppi amministrativi stanno ritardando un possibile decollo. Gli operatori sperano di ottenere risultati concreti entro il 2008.

Etichette:


Inserito da: elikim, 10.48 | Link | 0 Commenti